Torna indietro   MTB-MAG.com | Mountain Bike > Bicipedia

Avvisi

Foto/Video del giorno

   Lattice e tubeless, le gomme imperforabili
Non hai il permesso per compiere questa azione Non hai il permesso per compiere questa azione Non hai il permesso per compiere questa azione Non hai il permesso per compiere questa azione Non hai il permesso per compiere questa azione Non hai il permesso per compiere questa azione
Sistema per rendere le gomme resistenti ad ogni tipo di uso e abuso
   Articolo intero
Questo tutorial è un riassunto e un aggiornamento del topic lattice e tubeless da me aperto a suo tempo.

Il sistema consente di:
  • rendere imperforabile o comunque autoriparante qualsiasi ruota
  • rendere tubeless coperture normali montate su cerchi normali
  • eliminare i problemi di perdite dei sistemi tubeless classici rendendoli autoriparanti
Il necessaire:

1 Un barattolo di lattice per stampi di quello che comunemente è possibile acquistare nei negozi di belle arti, tipo lastix, latex o altro cmq monocomponente, prezzo circa 14 euro per 800gr

2 Una camera d'aria per ruota, saranno le ultime che comprerete , sottodimensionata di una misura, vale a dire che e state latticizzando ruote da 26 avrete bisogno di camere da 24, con valvola schrader o presta smontabile

3 Compressore e pazienza

Tagliate la camera nel senso della lunghezza, fino ad avere una striscia regolare larga quanto l'interno del cerchio o poco di più, ma mai di meno



chiudete i fori dei nipples con due giri di nastro adesivo


dopo aver allargato il foro della valvola con una punta da 8 (se necessario) applicate la striscia tagliata allo stesso modo con cui applichereste i classici flap di protezione al cerchio



montate la copertura sul cerchio "foderato" facendo attenzione a che i talloni della gomma poggino sulla striscia tagliata e non direttamente sul cerchio



montata la gomma controllate che la camera d'aria sporga dal cerchio in modo uguale da ambo i lati e se non sporge, perchè l'avete tagliata proprio precisa, controllate che sia posizionata in modo tale che la copertura non sia in nessun punto a contatto diretto col cerchio.

Inserimento del lattice:
il lattice va preventivamente diluito con acqua in dose non inferiore al 20% a seconda della consistenza del lattice stesso, la miscela csì ottenuta deve esere simile alla panna fresca da cucina per intenderci. A seconda delle sezioni delle gomme e del loro stato di usura, la quantità di miscela da inserire la prima volta varia da 150 a 200 cc.
Esistono due metodi per inserire il lattice: il primo consiste nel metterlo nella copertura prima di montarla del tutto sul cerchio, il secondo (che vale per i successivi rabbocchi), prevede lo smontaggio dell'interno della valvola e l'inserimento del lattice tramite siringa senza ago.


Dopo aver insaponato i fianchi della gomma come in un normale tubeless si procede al primo gonfiaggio.



Tenete presente che è necesaria una certa pressione per fare in modo che la gomma riesca a schiacciare i suoi talloni sul cerchio e a trattenere l'aria, fate qualche tentativo e abiate pazienza. Per facilitare l'operazione sollevate la gomma da terra e se proprio non riuscite al trentesimo tentativo smontate la valvola con l'apposito strumento, collegate il compressore, gonfiate e poi rimettete la valvola senza far uscire troppa aria (come fanno i gommisti).



nella foto lo "smontavalvole" e il valvolino smontato


Quando la gomma si sarà gonfiata il lattice comincerà a uscire dai fori presenti sul copertone e dai fianchi, tutto questo è normale, il lattice starà sigillando definitivamente la gomma. In questa fase è inevitabile che la gomma si sgonfi, procedete a rigonfiare fino a 3 atm e fate girare continuamente la ruota in modo che il liquido raggiunga tutta la superficie all'interno della gomma. Attenzione a non superare mai la pressione massima indicata sulla gomma stessa.


Quando la gomma si sarà stabilizzata percorrete circa 2 o 3 km per diffondere bene il fattice nella ruota e la magia è fatta. A questo punto potrete rifilare la striscia in eccesso sui lati del cerchio, meglio con forbici a punta tonda e...senza squarciare il copertone!!!

Un grazie particolare a tutti quelli che hanno sperimentato con me il sistema e a Vince per le foto

Se ho dimenticato qualcosa...mp grazie

Discussione

 
   Article Overall

Voti: 16, Punti: 74, Voto: 4.62
#21 in La Mountain bike
#24 del totale
   Note sull'autore

End of Time
Biker celestialis
Bicipedia: 6
Voti: 24, Punti: 113
Voto: 4.71/5
   L'articolo preferito di questo autore
»Il lattice  
Categoria: La Mountain bike, Inserito il 11-02-2007
Leggi 
   Ultimo commento
»   

Inserito il 14-11-2010 da bobbycosta
Leggi 
   Articoli correlati
»Misure dei pneumatici, tabella (quasi) completa  
Inserito il 09-09-2007 da gattonero
»La forcella  
Inserito il 09-02-2007 da marco
»HIDROFORMING: NUOVA VITA AI TELAI IN ALLUMINIO  
Inserito il 13-08-2009 da pietroballini
»Le gomme  
Inserito il 08-02-2007 da marco
»Cambiare olio / regolare la pressione al reggisella Crankbrothers Joplin (Maverick Speedball)  
Inserito il 19-01-2009 da cybern

   Menu utente



Tutti gli orari sono GMT +1. Adesso sono le 02:34:46.


Powered by vBulletin®
Copyright ©2000 - 2017, Jelsoft Enterprises Ltd.
User Alert System provided by Advanced User Tagging (Pro) - vBulletin Mods & Addons Copyright © 2017 DragonByte Technologies Ltd.
MTB-Forum.it 2002-2017, tutti i diritti riservati.